Studio legale sugli infortuni personali a New York e Seattle

Querela Smithfield Foods

Querela Smithfield Foods

A partire da qualche anno fa, Smithfield Foods Inc. ha affrontato una serie di cause legali e controversie che vanno da fastidi, dichiarazioni di falsa sicurezza, condizioni di lavoro non sicure e DPI inadeguati soprattutto in questi tempi. In questi pochi anni, individui e organizzazioni senza scopo di lucro hanno intentato una serie di cause sostenendo che la società alimentare ha politiche discutibili.

Di recente, la Smithfield Foods Inc. è stata citata in giudizio per accuse di non aver protetto i lavoratori nel Missouri durante la pandemia di coronavirus. L'azienda produttrice di carne suina ha intensificato e smentito tutte queste affermazioni affermando che sono prive di merito reale o legale.

È difficile distogliere lo sguardo dalle precedenti cause legali che sono state presentate e vinte contro la Smithfield Foods Inc. sebbene non indichi in alcun modo che la negligenza possa essere dimostrata in questo caso. Se sei stato in qualche modo vittima di una delle varie cause legali di Smithfield Foods, parla con un avvocato di Smithfield Foods Lawsuit oggi.

In Oshan and Associates, i nostri avvocati di Smithfield Foods Lawsuit hanno tenuto il passo delle cause contro Smithfield Foods e sono debitamente informati di tutti i procedimenti. Se tu o una persona cara siete stati o siete vittime di queste cause legali, i nostri avvocati vorrebbero aiutarvi a cercare giustizia e ottenere solo un risarcimento.

Storia di Smithfield Foods

Smithfield Foods Inc è una società di trasformazione alimentare con sede a Smithfield, in Virginia. Si concentrano principalmente sulla produzione di suini e suini; con oltre 500 aziende agricole negli Stati Uniti e altri contratti con 2,000 aziende agricole indipendenti in tutto il paese, l'azienda è il più grande produttore di carne suina e suina al mondo.

Smithfield Foods Inc. è stata fondata nel 1936 da Joseph W. Luter e suo figlio. La società ha iniziato in piccolo ma presto ha iniziato a ottenere il riconoscimento, a seguito di diverse fusioni e cambiamenti nella leadership, la società è diventata nota come il "gigante del maiale". Nel 2000, si diceva che l'impianto di trasformazione delle carni dell'azienda fosse il più grande del mondo e da allora non hanno perso la posizione.

A livello globale, la società ha impiegato 50,702 dipendenti nel 2016 e ha registrato un fatturato annuo di $ 14.3 miliardi. In 2017 e 2018, Smithfield Foods ha impiegato un totale di 106,771 e ha realizzato vendite rispettivamente per $ 15.3 e $ 15.5 miliardi.

Nonostante il grande profilo dell'azienda e le impronte apparentemente giganti, la società ha visto molte controversie. Diverse accuse sono emerse nel corso degli anni, costringendo l'azienda ad affrontare e provare a smentire queste affermazioni. Non hanno avuto molto successo poiché il colosso del maiale ha dovuto pagare una giuria con penalità di quasi $ 550 milioni di dollari USA e queste accuse non mostrano segni di riduzione.

Smithfield Foods Allegations

Fino a poco tempo fa, le accuse contro Smithfield Foods consistevano per lo più in molestie legate allo smaltimento dei rifiuti di maiale. Questo perché i maiali sono generalmente alloggiati insieme in fienili identici con tetti di metallo e i pavimenti degli edifici sono a doghe, il che consente ai rifiuti di essere passati in pozzi all'aperto di 30 piedi di profondità. Sono conosciuti come lagune anaerobiche e si dice che rilasciano odori.

Anche se, i governi statali hanno risposto a queste azioni di disturbo contro Smithfield e altre controversie simili rafforzando leggi sul diritto alla fattoria proteggere in modo significativo gli agricoltori da cause legali frivole.

Questa reazione da parte dei governi statali potrebbe essere arrivata un po 'in ritardo poiché Smithfield aveva già registrato quattro cause legali con giuria assegnata penalità e altre seguivano. Di 500 querelanti in 29 casi hanno citato in giudizio Smithfield Foods attraverso la sua controllata Murphy-Brown rivendicando danni da odori e insetti legati alle lagune anaerobiche.

Nell'aprile 2018, 10 querelanti che hanno presentato reclami contro Smithfield Foods sono stati assegnati da una giuria alla corte federale per un totale di $ 750,000 in risarcimento danni e $ 50 milioni in danni punitivi. Ma a causa della legge della Carolina del Nord che limita danni punitivi, il premio per danni punitivi è stato adeguato al ribasso.

Nel luglio 2018, due vicini di un'operazione di Smithfield nel Duplin Country hanno intentato una causa e hanno ricevuto un verdetto da $ 25 milioni. Uno dei querelanti sosteneva che i nutrienti utilizzati nella fattoria in questione stavano andando alla deriva nella sua proprietà. Tuttavia, molto più tardi i test hanno rivelato che la vera fonte della sua denuncia erano i rifiuti umani provenienti da una vicina fossa settica.

Nel dicembre 2018, sono state presentate ulteriori richieste nei confronti di Smithfield Foods. Otto querelanti che vivono vicino a una delle fattorie a contratto di Smithfield nella contea di Sampson hanno vinto i loro verdetti contro la società. Sebbene il giudice abbia stabilito che i querelanti non hanno fornito prove sufficienti per giustificare il risarcimento dei danni punitivi, gli otto querelanti hanno vinto un totale di $ 102,400 in risarcimento danni.

Dopo un po 'di respiro, a marzo 2019, dieci querelanti hanno affermato di aver sofferto a causa dei fastidi della contea di Duplin, una fattoria di Smithfield che ha allevato circa 5,000 maiali. Una giuria ha assegnato $ 440,000 a dieci di loro, sebbene Smithfield Foods abbia appellato questo giudizio nella Corte d'Appello del Circuito degli Stati Uniti.

Anche in Marzo 2019, Smithfield Foods è stato ritenuto colpevole di fastidi che i vicini hanno subito per i rifiuti generati dalle migliaia di maiali nelle operazioni dell'azienda. I giurati hanno deciso che Smithfield Foods avrebbe dovuto pagare $ 420,000 di penalità. Un buon numero di questi danni è stato assegnato nel tentativo di punire Smithfield Foods per le sue azioni.

Ci sono altre cause pendenti intentate contro il colosso del maiale come il ritardato sesto allevamento di cause legali e false indicazioni sulla sicurezza alimentare. Ma la recente causa intentata contro Smithfield Foods è una delle rivendicazioni inadeguate sui DPI.

Smithfield Foods ha fatto causa in Missouri a causa delle condizioni di lavoro durante la pandemia di Coronavirus

Un'organizzazione no profit denominata Alleanza dei lavoratori delle comunità rurali e un dipendente anonimo di Smithfield hanno intentato una causa contro Smithfield Foods Inc. La causa ha accusato il colosso di maiale di non aver fornito adeguati dispositivi di protezione individuale per i propri lavoratori nella loro fabbrica di carne di maiale a Milano, Missouri.

L'impiegato anonimo presentare questa causa in collaborazione con RCWA ha citato in giudizio Smithfield Foods Inc. come Jane Doe nel Tribunale Federale del Missouri perché afferma di aver paura di venire dopo di lei se sanno chi è.

Nel lettera di lamentela che è stato inviato, l'impiegata Smithfield dice che lavora al "piano di taglio" dove vengono macellati fino a 1100 maiali in un'ora, per tenere il passo con la velocità della linea, i lavoratori devono stare così vicini insieme, quindi lavorando "a spalla" alle spalle ".

Questo non era mai stato un problema fino a quando il coronavirus non ha colpito, ora i dipendenti hanno paura dell'esposizione a un virus che sta uccidendo molte persone ogni giorno. Il dipendente sostiene che a Smithfield non sembra importare, anche se lo hanno già fatto chiuse altre tre operazioni dove i lavoratori sono risultati positivi per il Coronavirus.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha continuamente consigliato agli ordini di ricovero sul posto di distanza sociale di mantenere una distanza di almeno 1 metro (tre piedi) tra un'altra persona e di lavarsi le mani regolarmente e accuratamente con acqua e sapone o a base di alcol strofinare a mano. Ma gli ordini di domicilio emessi dal dipartimento della salute del Missouri il 3 aprilerd consente alle fabbriche di trasformazione delle carni di rimanere aperte con le condizioni per aderire al CDC e ad altre linee guida sulla salute pubblica per proteggere i propri lavoratori.

L'impiegata che va sotto lo pseudonimo di Jane Doe dice che sta usando la sua causa per mettere in luce ciò che ha vissuto e spera di costringere Smithfield a cambiare il modo in cui trattano i lavoratori. Dice che Smithfield sta rischiando la vita non fornendo DPI adeguati. Sostiene inoltre che i lavoratori che sono rimasti a casa perché erano malati di sintomi del coronavirus sono stati disciplinati da Smithfield per aver perso un turno programmato.

Questo atto è servito a dissuadere gli altri lavoratori dal rimanere a casa anche se si sentono male. Il che probabilmente connota il fatto che è probabile che vi siano altre persone malate che si mescolano e lavorano in quarti così vicini con persone sane, facilitando così la diffusione del virus.

Jane Doe sostiene inoltre che i lavoratori ricevono solo due pause di 15 minuti tutto il giorno e mezz'ora per il pranzo. Indossano gli stessi guanti e maschere tutto il giorno e non hanno il tempo di lavarsi le mani regolarmente. Dice anche che c'è sempre una folla nella mensa e quando la compagnia ha iniziato a fare i controlli della temperatura la folla non si è abbassata.

Ritiene che l'impianto non abbia fatto abbastanza per proteggere i lavoratori, che abbiano fornito attrezzature o problemi di protezione insufficienti e nessuna pausa prolungata per consentire a tutti di lavarsi le mani. La causa sostiene inoltre che, invece di offrire ai lavoratori queste necessarie pause, Smithfield Foods ha esteso i propri turni fino a 11 ore e su una linea più veloce, il che significa che si incontrano di più. Afferma anche che non hanno il tempo di coprirsi la bocca se starnutiscono o tossiscono perché la linea si sta muovendo così velocemente.

Nello stabilimento di 1000 dipendenti, 70 lavoratori il 2 aprile hanno firmato una lettera del RCWA chiedere a Smithfield di consentire ai lavoratori di mettersi in quarantena a casa con retribuzione o di modificare il posto di lavoro per mantenere i dipendenti al sicuro. Secondo quanto riferito, una settimana dopo l'invio della lettera, Smithfield ha installato "scudi in plexiglass"Tra alcuni lavoratori in alcune parti della pianta, ma gli scudi sono inefficaci in quanto non pendono abbastanza in basso da coprire i volti delle persone.

Le accuse nella causa continuano anche a dire che, anziché ridurre l'orario di lavoro, lo stabilimento ha annunciato una nuova iniziativa di un "bonus di responsabilità" di $ 500 a chiunque non salti un singolo turno dal primo aprile al primo maggio. Un incentivo in denaro per continuare a venire a lavorare anche se le loro vite sono a rischio.

La causa intentata nella corte federale del Missouri afferma che Smithfield ha creato un "disturbo pubblico" fornendo dispositivi di protezione individuale inadeguati. “In parole povere, i lavoratori, i loro familiari. E molti altri che vivono a Milano e nella più ampia comunità potrebbero morire - tutto perché Smithfield si è rifiutato di cambiare le sue pratiche di fronte a questa pandemia ”, hanno affermato nella denuncia le Alleanze dei lavoratori della comunità rurale.

La causa sostiene inoltre che "Smithfield non è così disposto a riconoscere le proprie responsabilità nei confronti dei suoi lavoratori e della comunità in cui opera da incolpare" determinate culture "per la diffusione della malattia nel suo stabilimento nel South Dakota ..."

A partire dal 16 aprile 2020, l'operazione di Smithfield nel South Dakota, responsabile del 5% della produzione di carne suina negli Stati Uniti, è presumibilmente diventata una hotspot di coronavirus. Questo perché oltre 700 lavoratori e contatti stretti si sono rivelati positivi per il coronavirus. È stato riferito che il primo lavoratore è risultato positivo al virus il 24 marzo, ma la pianta non è stata chiusa fino al 14 aprile.

Il gigante del maiale, Smithfield Foods Inc. ha chiuso diverse piante come la pianta del South Dakota, uno in Wisconsin, un altro nel Missouri e molti altri. Ha fatto tutto questo nel tentativo di proteggere salute dei lavoratori e tenerli al sicuro. Quando contattato dal Il Washington Post a proposito di queste accuse, Kiera Lombardo, vice presidente esecutivo per gli affari societari e la conformità di Smithfield, ha affermato che la società ha una politica di non commentare il contenzioso pendente, ma ha commentato dicendo che "Le accuse contenute nella denuncia sono prive di merito reale o legale e includono affermazioni precedentemente fatte contro la società che è stata indagata e ritenuta infondata. Non vediamo l'ora di difendere in modo aggressivo l'azienda in tribunale ”

Al 6 maggio a giudice federale ha respinto la causa sulla sicurezza dei lavoratori presentata il 23 aprilerd della querelante Jane Doe, una lavoratrice senza nome dello stabilimento Smithfield di Milano, Missouri, per il fatto che tali questioni non spettano ai tribunali. La causa non ha richiesto danni monetari ma ha richiesto che i cibi Smithfield fossero costretti a cambiare le sue pratiche.

"Smithfield sta già prendendo molte delle misure richieste dall'RCWA, tra cui lo screening dei lavoratori della linea di produzione per i sintomi e l'installazione di barriere tra loro", afferma il giudice distrettuale di Kansas City. Smithfield ha anche sottolineato che era conforme Linee guida comuni per la lavorazione della carne rilasciato da CDC e OSHA.

Il giudice ha anche detto "che sotto Ordine esecutivo del presidente Donald Trump in aprile la necessità di mantenere aperti gli impianti di imballaggio della carne durante la pandemia, il governo federale e non i tribunali, erano responsabili della supervisione delle condizioni di lavoro ”. Pertanto, spingendo il caso direttamente nella giurisdizione del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (OSHA) e (USDA) degli Stati Uniti.

Con tutte queste accuse pendenti e procedimenti giudiziari inconcludenti, è un po 'difficile giungere a una conclusione valida. Ma se tu o una persona cara siete stati vittima di una causa legale Smithfield Foods, che si tratti di un infortunio personale o di morte ingiusta, vi preghiamo di contattare un avvocato qualificato Smithfield Foods Lawsuit oggi.

Aiutiamoci

In Oshan and Associates, abbiamo una vasta conoscenza delle leggi e siamo tenuti al passo con i fatti. Non esiteremo a sfruttare al massimo le nostre risorse per assicurarti la giustizia e il risarcimento che meriti. Abbiamo combattuto con successo cause legali e vinto, siamo avvocati esperti, aiutiamo.

Comprendiamo che può sembrare un po 'travolgente provare ad assumere grandi aziende come questa. Ecco perché siamo qui per aiutarti a livellare un po 'il campo di gioco, non tacere sul tuo dolore, combatteremo in modo aggressivo per produrre un risultato positivo. Chiamaci oggi per programmare una consulenza gratuita e senza impegno.



lascia un commento

I commenti saranno approvati prima della pubblicazione.


Anche nel blog di interruzione dell'attività

Avvocati di reclamo di interruzione di affari
Avvocati di reclamo di interruzione di affari

La tua richiesta di interruzione dell'attività COVID-19 è stata respinta dalla tua compagnia assicurativa? Potresti avere il diritto di reclamare contro di loro per malafede assicurativa e negazione errata del reclamo. Il nostro avvocato in caso di interruzione dell'attività può essere d'aiuto.

Leggi di più

Politiche di interruzione dell'attività e legge
Politiche di interruzione dell'attività e legge

Molte aziende hanno subito un colpo dallo scoppio del coronavirus negli Stati Uniti. Gli abiti da lavoro stanno quindi cercando protezione sotto le loro varie politiche di interruzione dell'attività. Questo articolo fornisce informazioni sulle politiche di interruzione dell'attività alla luce della pandemia di COVID-19.

Leggi di più

Contenzioso Tyson Foods
Contenzioso Tyson Foods

Se tu o una persona cara avete ammalato o contratto il coronavirus mentre lavorate su una pianta alimentare Tyson, potreste essere in grado di fare causa per danni. Contatta un avvocato qualificato Tyson Foods.

Leggi di più